Premium Sport

Serie A, Juventus-Roma 1-0: decide l'ex Benatia

Un gol difensore al 18' lancia in bianconeri in mini-fuga col Napoli, clamoroso errore di Schick nel finale

  • TTT
  • Condividi

Dopo il Napoli la Juventus batte anche la Roma 1-0 e torna a un solo punto dalla squadra di Sarri. All'Allianz Stadium i bianconeri giocano una partita praticamente perfetta, dominando fisicamente i giallorossi, creando molto e rischiando pochissimo. Il gol partita arriva al 18' con Benatia (anche se ci sono molti dubbi sulla regolarità), poi un super Alisson nega due volte il raddoppio ai bianconeri, che nel finale rischiano sulla traversa di Florenzi ma portano a casa una vittoria più che meritata. Per Juve e Napoli è fuga a due in testa.

Juventus-Roma 1-0 (cronaca e tabellino)

Allegri lascia Dybala in panchina per la terza gara consecutiva, recupera Mandzukic nel tridente con Higuain e Cuadrado e schiera Barzagli a destra. Di Francesco concede un turno di riposo a Schick, rilancia El Shaarawy dal 1' e torna al centrocampo titolare con Nainggolan, Strootman e De Rossi.

Avvio di personalità della Roma, che fa girare il pallone e guadagna campo, ma la prima occasione è della Juve, che graffia con una ripartenza di Higuain e Cuadrado, ma poi sciupa con Khedira. Mentre la Roma punta sul possesso, i bianconeri verticalizzano e pungono, Mandzukic ci prova di testa (8'), Higuain lo imita (14') e poi è pericolossismo in contropiede, ma Fazio mette sul fondo dopo un recupero prodigioso. Il gol è nell'aria e arriva sul calcio d'angolo conseguente: Pjanic trova Chiellini, Alisson respinge con un miracolo, Benatia (che secondo il nostro Cesari fa un blocco irregolare) arriva per il tap-in, Alisson compie il secondo miracolo, ma sulla ribattuta ancora dell'ex giallorosso deve arrendersi (18'). Il vantaggio è meritato, la Roma è troppo lunga e fatica a creare occasioni da gol, ma al 25' un'invenzione di Dzeko crea i presupposti per il pareggio: Szczesny è bravissimo a dire di no a El Shaarawy. Quello del Faraone resterà però l'unico vero tiro in porta del primo tempo dei giallorossi, che vanno negli spogliatoi sotto di una rete.

La ripresa inizia con gli stessi 22 in campo e con una Juve subito più brillante, Manolas si deve superare per intercettare l'assist di Higuain diretto a Mandzukic, poco dopo il Pipita si divora letteralmente il raddoppio a tu per tu con Alisson imbeccato da uno stupendo assist di tocco di Khedira (54'). Di Francesco in panchina è una furia, il tecnico prova a dare una scossa invertendo le posizioni di El Shaarawy e Perotti e a sinistra la Roma crea un paio di volte i presupposti per il pari, ma sulla strada dei giallorossi c'è un Benatia in versione muro. La Roma ci prova, entra anche Schick per El Shaarawy, ma la Juve sta nettamente meglio fisicamente e sfonda a piacimento, al 65' Alisson deve superarsi ancora su Matuidi per evitare il 2-0 e poco dopo Higuain spara alle stelle dal limite dell'area ben imbeccato da Mandzukic (67'). Dopo l'ingresso in campo di Pellegrini (per Strootman) la Roma ha l'occasione migliore del secondo tempo, ma Dzeko spreca calciando alto (70'), cinque minuti dopo è il momento di Bernardeschi, che prende il posto di Cuadrado (Dybala resta seduto). A 10' dalla fine un brivido attraversa lo Stadium, sul traversone di Kolarov la difesa della Juve ha la prima disattenzione della serata e si dimentica di Florenzi, che da solo davanti a Szczesny lo supera in acrobazia ma centra in pieno la traversa. Negli ultmi minuti è assedio Roma e succede di tutto, Di Francesco si gioca anche la carta Under (fuori De Rossi) e il turco ha subito l'occasione per far male, poi Pjanic quasi la chiude ma centra la traversa e a 1' dal triplice fischio Schick si divora incredibilmente il pareggio a tu per tu con Szczesny. La parata del portiere polacco è decisiva, Nainggolan si dispera e la Juve colleziona l'ottavo clean sheet consecutivo.