Premium Sport

Napoli, De Laurentiis: "I tifosi contestano e poi comprano maglie false"

ADL passa al contrattacco dopo le accuse dei sostenitori: "Non capisco la tendenza distruttiva, ad Ancelotti do due mesi di tempo"

  • TTT
  • Condividi

Un fiume in piena, come sempre. Aurelio De Laurentiis, attaccato dai tifosi sul web per le strategie di mercato, risponde a tono. "Loro contestano De Laurentiis, ma io contesto loro". Esempio? Le maglie. "A Napoli c'è il gusto del 'pezzotto' (il tarocco, n.d.r.), vogliono spendere i miliardi di euro per compare i giocatori, ma poi si fanno il 'pezzotto', o spingono ai tornelli per entrare in più".

"Siamo l'unica squadra che è in Europa da nove anni, secondo uno studio olandese quella che è cresciuta di più negli ultimi anni. Attacco indebolito? Macché, si è avvantaggiato dell'entrata di Verdi! Quando stoltamente c'è chi dice che bisogna rinforzare l'attacco del Napoli, e l'anno scorso non c'era Milik infortunato, si dimentica che Mertens ha fatto furore e fuochi d'artificio, facendo impallidire Higuain rispetto ai gol che ha fatto alla Juve. Non riesco a capire questo tendenza distruttiva. Se Belotti vale 65 milioni mi fa piacere, perchè vuol dire che Inglese ne vale 85! L'anno scorso lui ha fatto 12 gol in campionato, mentre nel Torino Belotti ne ha fatti 10.  Ma poi chi sono questi tifosi che contestano? Qualche malato, drogato che non capisce nulla".

"Potrebbe arrivare Ospina, stiamo negoziando, ci sono delle divergenze sulle loro richieste (evidentemente poi risolte, visto che l'affare è praticamente fatto ndr). Sono quattro in lizza, ci sono anche Mignolet, Tatarusanu e Ochoa. Napoli competitivo? Assolutamente si, abbiamo soltanto un problema fondamentale, ovvero che noi abbiamo cambiato allenatore. Qualunque allenatore arriva nuovo in una società, deve in qualche modo cercare di combinare quello che era il gioco precedente con il suo modo di giocare. Ora Sarri non c'è, il sarrismo si può conservare per quanto conservabile, ma bisogna compendiarlo con quanto vuol fare Ancelotti. Mettere in dubbio le capacità di Ancelotti vuol dire non capire nulla di calcio. Bisogna dargli tempo, a lui servono due mesi"