Premium Sport

Milan, Li Yonghong ha trovato un socio di minoranza

Nel club 100-150 milioni di euro per convincere la UEfa

  • TTT
  • Condividi

Il 19 giugno si avvicina e Li Yonghong non vuole farsi trovare impreparato: in quella data è prevista l'udienza alla Uefa che deciderà sulla partecipazione o meno del Milan alla prossima Europa League. Il viaggio della scorsa settimana a Milano avrebbe permesso al presidente rossonero di trovare un socio di minoranza in gradi di garantire una copertura finanziaria di 100-150 milioni di euro per poi prendere il controllo della totalità del paccchetto azionario, come riportato da Repubblica.

Si parla di un imprenditore italiano (Riccardo Silva ha negato su Twitter, Enrico Preziosi lo aveva fatto in Lega Calcio) ma, se il nome rimane un mistero, le sue intenzioni sono confermate dal contatto avuto dal club con una banca specializzata per concedere una fideiussione in vista dell'ingresso nel Milan di un nuovo socio. Ad ogni modo, se le garanzie economiche di questo personaggio misterioso verranno mostrate alla Uefa per confermare la solidità finanziaria della società, la sua identità verrà prima o poi svelata.

Li Yonghong spera che tutto questo basi per convincere la Camera giudicante. Non fosse così, rimane la possibilità del ricorso al Tas di Losanna con udienza entro il 29 giugno e sentenza da ottenere entro i primi di luglio. Se la Uefa escludesse il Milan dall'Europa League ma il Tas la riabilitasse, a quel punto si tornerebbe dalla Federazione Europea che muterebbe la sentenza in sanzioni economiche o di mercato.