Premium Sport

Juventus, Matuidi: "Torino-Parigi in bici, devo farlo..."

Il francese sarà l'ultimo a raggiungere il ritiro. Ma ha in sospeso un pegno da pagare

  • TTT
  • Condividi

A Fontenay-sous-Bois, nella Val de Marne, Blaise Matuidi è diventato un calciatore: è lì che è andato al ritorno dalle vacanze negli Stati Uniti, prima di recarsi definitivamente a Torino, dove domani sarà l'ultimo giocatore a raggiungere il ritiro della Juventus. Un surplus di ferie per chi a luglio ha fatto la storia: "Sarò sempre un campione del mondo ed è un orgoglio enorme. Ma ora mi aspetta una grande stagione alla Juve, è appena arrivato Cristiano Ronaldo per aiutarci a vincere dei titoli".

Matuidi arriva col pieno delle motivazioni, ma anche con un pegno da pagare. Prima del Mondiale, aveva promesso che avrebbe pedalato da Torino a Parigi in caso di trionfo. Forse avrebbe dovuto approfittare delle vacanze per onorare la scommessa. Ma non ha avuto modo di farlo. "Mi tocca, ma occorrerà che trovi il tempo perché non sarà semplice". Difficilmente durante la stagione la Juve gli consentirà di percorrere 717 chilometri con traversata delle Alpi e picco di 2175 metri. Praticamente quattro tappe del Tour de France in una sola giornata: magari a fine carriera, perché sarà anche arrivato il mago dei muscoli dal Real Madrid, ma sarà meglio non affaticarli.