Premium Sport

Gattuso: "Orgoglioso di questi ragazzi, il Milan è casa mia"

Il tecnico a Premium: "Io solo cuore e grinta? Sono chiacchiere da bar"

  • TTT
  • Condividi

Quinta vittoria nelle ultime sette partite per il Milan, che si avvicina alla zona Europa e con Gattuso sembra rinato: "Io rimarrò sempre cuore e grinta - ha detto il tecnico a Premium nel dopogara - ma questi ragazzi sanno giocare a calcio e stasera si è visto. La cosa che mi rende più orgoglioso è che durante la settimana i ragazzi ce la mettono tutta, mi seguono e mi danno grande soddisfazione. Ho portato i miei concetti, giocare di reparto, sacrificarsi eccetera: ora stiamo giocando da squadra e i risultati si vedono".

"Sotto la curva ci devono andare i giocatori - continua il tecnico rossonero - perché in campo ci vanno loro, ci godiamo questo momento ma domani è un altro giorno. In questi mesi abbiamo lasciato troppi punti per strada, ma questa è una squadra molto giovane, che sta toccando con mano che il lavoro paga e io devo continuare a insistere su questo".

"Rodriguez? Pure Maradona sbagliava i rigori, la cosa più imprtante è che ha fatto una buona prestazione. Siamo contenti ma con la testa dobbiamo essere già a giovedì perché non sarà una partita scontata. Di Biagio in tribuna? I nostri giovani sono un patrimonio del calcio italiano, deciderà lui se convocarli o meno, ma io comunque me li tengo stretti perché sono dei bravi ragazzi e ci mettono tanto impegno".

"Sapevo che stavo prendendo una patata bollente quando ho accettato la panchina - conclude Gattuso - sapevo che sarei invecchiato, ma la fede è fede, soffrire mi piace, le cose facili no. Il Milan è casa mia, ho avuto una grande possibilità e me la tengo stretta, darò tutto me stesso fino all'ultimo giorno. So che molti dei ragazzi mi guardano male e sbuffano, ma io sarò il loro incubo fino alla fine..."