Premium Sport

Crotone, ufficiale: Nicola si è dimesso

Il tecnico litiga con il presidente Vrenna dopo il ko con l'Udinese: arriva Drago?

  • TTT
  • Condividi

Davide Nicola si è dimesso da allenatore del Crotone. "È tutto vero, ho deciso così e non torno indietro. Io quando dico una cosa non faccio chiacchiere. Credo che ormai mi conosciate bene, sapete come sono fatto: nel mio lavoro, nelle mie scelte vado dritto", le parole del tecnico alla Gazzetta dello Sport. L'allenatore non chiarisce i motivi dell'addio: "È una decisione tutta mia e non ho intenzione di scendere nei particolari. Probabilmente lo farà chi di dovere". Nel primo pomeriggio è anche arrivata l'ufficialità attraverso un comunicato diffuso dal club calabrese sul propio sito.  

 Più che le tre sconfitte consecutive o il pesante tonfo casalingo contro l'Udinese, l'allenatore della miracolosa salvezza della passata stagione pagherebbe la tensione che si è venuta a creare subito dopo il k.o. di lunedì, in particolare ci sarebbe stato un acceso diverbio tra Nicola e il presidente Gianni Vrenna con il primo che non avrebbe gradito alcuni rilievi mossi nei confronti della squadra, attualmente al quintultimo posto con 12 punti raccolti.

Immediatamente dopo la sfida dello Scida si era avuto già il sentore che qualcosa non andasse: i giocatori sono usciti dallo spogliatoio 50 minuti dopo il tecnico, probabilmente perché impegnati in un colloquio con la società. Il confronto si è ripetuto all'indomani, nel pomeriggio: uno tra i dirigenti e Nicola, un altro tra i dirigenti e i giocatori. La società non è riuscita a fare cambiare idea a Nicola dopo un incontro questa mattina e  pensa al suo successore: sarebbe favorito Massimo Drago, che ha guidato gli Squali dal 2012 al 2015.