Premium Sport

Scottish Premiership, il Celtic festeggia lo scudetto con 5 gol

La vittoria sugli Hearts vale il 48° titolo nazionale, il primo per Rodgers

  • TTT
  • Condividi

Era solo questione di tempo, che si è fermato al 24' della partita contro gli Hearts: cioè quando Sinclair ha siglato quello che (al netto delle altre reti di Armstrong, Roberts e altre due volte Sinclair, ininfluenti ai fini della vittoria) è diventato il gol scudetto, il sesto consecutivo, conquistato otto giornate prima della fine del campionato. Alla trentesima giornata, dunque, il Celtic conquista il 48° titolo nazionale scozzese, un dominio incontrastato della squadra di Rodgers: 86 punti in 30 giornate, 28 vittorie, due pareggi e sinora nessuna sconfitta, 81 gol fatti e 18 subìti.

La festa parte dal Tynecastle Stadium di Edimburgo, dove gli Hearts resistono poco più di venti minuti: troppo duro da digerire l'uno-due di Sinclair in tre minuti fino alla bordata da fuori area di Armstrong al 55' e ancora con le reti di Robers e di nuovo Sinclair (su rigore), ma lo scoglio era comunque troppo difficile da superare, questo Celtic è troppo per tutto il resto della Scottish Premiership.

Un trionfo firmato prima di tutto Brendan Rodgers, che ha rianimato i Bhoys dopo il biennio Deila (che ha vinto due scudetti ma senza lasciare traccia sul piano del gioco) accentuando i tratti offensivi del gioco oltre a lanciare diversi giovani, cosa non sempre scontata nel calcio scozzese. Su tutti, Dembelé e Rogic: il francese è già entrato nell'orbita del Chelsea anche se Rodgers gli ha consigliato di rimanere almeno un altro anno in Scozia, il secondo è meno giovane - 24 anni - ma lo era sul campo visto che prima di questa stagione aveva visto più panchine che presenze da titolari.

Anche se in Europa l'avventura è andata malino (ma almeno dopo due anni il Celtic è tornato a respirare la Champions League) il lavoro dell'ex tecnico del Liverpool non può che essere giudicato positivo: 28 vittorie e 2 pareggi, dominio assoluto, imbattibilità stagionale con i cuginastri del Rangers (3 vittorie e 1 pari). Tanto che dalle parti del Celtic Park c'è qualcuno che ha paura del suo ritorno in Premier...