Premium Sport

NCAA, Crimson Tide campioni: Atlanta fischia Trump

La finale più bella di sempre decisa al supplementare, il presidente sbaglia l'Inno

  • TTT
  • Condividi

Nella finale universitaria più appassionante di sempre, l'attenzione degli Stati Uniti si concentra sulla contestazione a Donald Trump. Ad Atlanta in occasione dell'atto conclusivo del campionato NCAA di football, il presidente statunitenste è stato accolto da una bordata di fischi al suo ingresso in campo.

Contestato dal pubblico presente, criticato da mezza America soprattutto quando, inquadrato dalle telecamere durante l'esecuzione dell'Inno Nazionale, si confonde dimenticando le parole.

Se non bastasse, le polemiche si sono intensificate all'ingresso in campo della squadra di Alabama, quando Bo Scarbroughk, running back dei Crimson Tide, grida un insulto al presidente ("Fuck Trump", ndr).

La finale più bella di sempre viene risolta al supplementare, grazie al diciottenne Tua Togavailoa, quarterback hawaiano, mandato in campo dopo l'intervallo con l'obiettivo di recuperare i 13 punti di vantaggio di Georgia. La storica rimonta è riuscita. il ragazzino è diventato in un attimo lo sportivo del momento, ma le polemiche attorno Trump non si placano. Anzi.

Gabriele Cattaneo