Premium Sport

Valentino Rossi dimesso dall'ospedale: "Torno quanto prima"

Il Dottore andrà in un centro di riabilitazione dopo l'incidente che gli è costato la frattura di tibia e perone

  • TTT
  • Condividi

Valentino Rossi è stato dimesso alle 9.30 dall'ospedale di Ancona, dov'era ricoverato in seguito all'incidente del 31 agosto in motocross che gli era costato la frattura di tibia e perone. Il Dottore lascia gli Ospedali Riuniti ed è diretto in un centro di riabilitazione che per ora resta top secret. Il medico, in conferenza stampa, ha ribadito i tempi di recupero che aveva già annunciato dopo l'operazione: "Ci vorranno 30-40 giorni per potersi riprendere". Il campione ha passato una notte tranquilla e ha anche mosso i primi passi aiutandosi con delle stampelle.

"La notte è andata bene, ho dormito e stamattina mi sentivo bene - ha detto Valentino in un comunicato ufficiale rilasciato dalla Yamaha - I medici mi hanno visitato e mi hanno dato l'ok per tornare a casa, dove potrò riposare anche meglio. Comincerò la riabilitazione il più presto possibile e vedremo come reagirà il mio corpo prima di prendere qualsiasi decisione. Devo ringraziare ancora una volta lo staff degli Ospedali Riuniti e anche il pronto soccorso di Urbino e il 118, così come tutti gli amici che sono venuti a farmi visita. Come ho detto ieri, farò tutto quello che posso per tornare quanto prima".

Ovviamente il Dottore salterà il Gran Premio di Misano e con questo lungo stop la corsa al Mondiale è compromessa definitivamente. Dai suoi rivali in pista sono arrivati messaggi di solidarietà: "Misano, non sarà lo stesso senza di te! Rimettiti presto amico mio, ti aspetto in pista!", gli ha scritto Iannone. "Il suo infortunio è una cattiva notizia - ha detto Dovizioso - In questi momenti non ti sfiora neppure il pensiero che c'è uno in meno con cui giocarsi il Mondiale. E a me sarebbe piaciuto farlo".