Premium Sport

MotoGp, Rossi: "Ho paura a stare in pista con Marquez"

Il box Yamaha respinge le scuse dello spagnolo

  • TTT
  • Condividi

Ciò che è successo al 21° giro del gp di Argentina tra Marquez e Rossi rischia di riaprire vecchie ferite, la più grossa delle quali sembrava ormai sepolta (era il gp di Malesia 2015 quando Valentino perse il decimo titolo mondiale dopo aver dato un calcetto allo spagnolo). Se il Dottore perde la sesta posizione e Marquez perde punti da Andrea Dovizioso dopo la penalità di 30'' per "guida irresponsabile" che lo ha relegato diciottesimo, anche il rapporto tra i due sembra irrecuperabile.

Vedere per credere ciò che accade a fine gara quando il campione del mondo in carica si dirige verso i box Yamaha per scusarsi con Rossi ma l'amico Alessio Salucci lo ferma: "Non venire qui, ho appena dato lo straccio" e indicando il pavimento. A quel punto Marquez, arrivato con il padre e il manager Alzamora, è dovuto andare via.

Molto duro il commento di Valentino Rossi a fine gara: "Ho paura a stare in pista con Marquez, lui ti punta la gamba consapevole che poi rimane in piedi: è recidivo, non mi sento tutelato e qualcuno deve fare qualcosa se no ci si fa male sul serio e questo distrugge il nostro sport. Per non parlare delle regole: a moto spenta si è rimesso in pista contromano quando doveva rientrare in pit-lane, fa quello che gli pare. Se mi chiede scusa una volta va bene ma se lo fai più volte allora non ci sto. Adesso non voglio che mi parli più né mi guardi più, lo dirò anche a lui".

Marquez respinge le accuse al mittente: "Non ho mirato nessuno, cercavo di recuperare e ho chiesto scusa. Il grande errore è stato con Aleix Espargaro, con Valentino non ho fatto niente di pazzo: io ero all’interno".