Premium Sport

MotoGP, Dovizioso: "Lorenzo? Non ho chiesto aiuti"

I piloti provano a spegnere la polemica sugli ordini di scuderia. Lo spagnolo: "Ho sbagliato, poi meglio non rischiare..."

  • TTT
  • Condividi

La voce sugli ordini di scuderia rimbalza qua e là alla fine del Gran premio di Sepang. Jorge Lorenzo, ducatista come Andrea Dovizioso, ha subito il sorpasso dell'italiano a 4 giri dal termine e poi l'avrebbe "scortato" fino al traguardo per favorirne il trionfo e tenere in piedi il suo sogno Mondiale. Ma sono entrambi i piloti a smentire l'ipotesi di una strategia di squadra.

"Pensavo di vincere più facile - ha detto Dovizioso - perché per tutto il fine settimana la moto ha funzionato davvero bene e di questo ringrazio il team. Anche Lorenzo ha guidato benissimo e non c'è stato bisogno di rischiare troppo, dietro abbiamo creato un gap. Ordine di scuderia? Non sono un politico, ma uno sportivo: io non ho chiesto aiuti, non sono quel tipo di persona. Se poi Ducati ha chiesto qualcosa a Jorge, non lo so. Sono rimasto sempre concentrato sulla gara e sui 25 punti che mi servivano"

"In staccata, soprattutto quelle dure, mi pattinava un po' la ruota ed è lì che Andrea mi ha passato - ha raccontato Lorenzo -. Ho fatto un errore, ma dopo non ho spinto troppo, ho sempre cercato di stare dietro alla sua ruota e non volevo fare cose stupide: se fossi stato più vicino, a 2 decimi, ci avrei provato, ma ero distante a mezzo secondo e non era il caso di far rischiare ad Andrea una caduta".