Premium Sport

Formula 1, Vettel rischia grosso: la FIA apre un'indagine formale

Jean Todt può punire ancora il tedesco dopo la "ruotata" ad Hamilton

  • TTT
  • Condividi

Sebastian Vettel rischia una dura sanzione da parte della Fia per il 'fallo di reazione' commesso nei confronti di Lewis Hamilton domenica scorsa sul circuito di Baku. Secondo la rivista tedesca "Auto, motor und sport", il presidente della Fia, Jean Todt, sta studiando il caso per valutare se far mettere sotto accusa da parte del tribunale disciplinare il pilota della Ferrari, penalizzato con 10 secondi di sosta ai box durante la corsa e con 3 punti in meno sulla superlicenza.

Stando a quanto riporta la rivista, Todt sarebbe sottoposto a molte pressioni da parte di altri piloti e team perché Vettel non "la passi liscia". Peraltro, il tedesco era stato 'graziato' dal n.1 della federazione lo scorso novembre, quando rischiò la sanzione per gli insulti via radio ai giudici di gara del Gp del Messico. Todt però ammonì che il ripetersi di simili comportamenti avrebbe portato gli eventuali autori davanti al tribunale.

LA FIA APRE UN'INDAGINE FORMALE
La FIA ha avviato un'indagine formale sull' 'incidente' tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. La Federazione internazionale dell'auto ha fatto sapere che si riunirà lunedì prossimo 3 luglio per esaminare la vicenda. Secondo quanto riporta 'Autosport', la Fia non sarebbe "soddisfatta" dei 10 secondi di penalità inflitti al pilota tedesco e ha deciso di riesaminare quanto accaduto: la riunione di lunedì prossimo servirà ad approfondire la questione e a prendere eventuali decisioni, prima comunque del prossimo Gp d'Austria.

"A seguito del recente incidente al Gran Premio dell'Azerbaigian in cui l'automobile #5 (Vettel) è stata coinvolta in una collisione con l'automobile #44 (Hamilton) - ha fatto sapere un portavoce della Federazione - lunedì 3 luglio la FIA esaminerà ulteriormente le cause dell'incidente per valutare se è necessaria un'ulteriore azione disciplinare. Una dichiarazione sull'esito di questo processo resa disponibile prima del prossimo Gran Premio d'Austria".