Premium Sport

Formula 1, Hamilton trionfa a Singapore e va in fuga

Il britannico della Mercedes precede Ricciardo e Bottas dopo l'uscita delle Ferrari

  • TTT
  • Condividi

Trionfo per Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes ha vinto il Gp di Singapore precedendo sul traguardo la Red Bull di Daniel Ricciardo e l'altra Mercedes di Valtteri Bottas. Al quarto posto si è piazzata la Toro Rosso di Carlos Sainz, quinta la Force India di Perez, davanti alla Renault di Jolyon Palmer, alla McLaren-Honda di Stoffel Vandoorne e alla Williams di Lance Stroll. Nono posto per la Haas di Romain Grosjean e decimo per Estevan Ocon con l'altra Force India

Hamilton incrementa il proprio vantaggio nella classifica del Mondiale a +28 a sei gare dalla fine, dopo che le Ferrari di Vettel e Raikkonen sono uscite al via a causa di una collisione con l'altra Red Bull di Max Verstappen.

HAMILTON: "DIO MI HA BENEDETTO, PECCATO NON SFIDARE VETTEL"

"Voglio congratularmi con il team, ieri abbiamo faticato tanto e non sapevamo cosa sarebbe potuto accadere oggi. Ci sarebbe voluto un miracolo. Oggi Dio mi ha benedetto e ho sfruttato al massimo l'incidente in partenza e che ha penalizzato le due Ferrari. Mi sarebbe piaciuto anche combattere con Vettel, ma in realtà è andata meglio così". Lewis Hamilton è raggiante dopo la vittoria a Singapore. "Avevo bisogno anche della pioggia, appena ho visto che cominciava a piovere ho pensato che potevo vincere", ha aggiunto.

ARRIVABENE: "NON E' ANCORA FINITA"

Il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene, non alza bandiera bianca e rilancia dopo il doppio ko Ferrari, costrette a uscire al via per una collisione con Verstappen: "Siamo molto dispiaciuti e delusi per i nostri tifosi, non è certo il risultato che ci aspettavamo. Promettiamo che non è finita, sarà più difficile, ma non è finita. Promettiamo di lottare fino all'ultima curva del campionato. E' difficile, non impossibile. Ci rifaremo".