Premium Sport

F1 a Monza: Vettel: "In gara andrà meglio", Hamilton: "Grazie, Italia!"

I rivali per il titolo dopo le qualifiche. Raikkonen: "Come guidare sulle uova"

  • TTT
  • Condividi

"Non era la nostra giornata, ma so che abbiamo una macchina competitiva": queste le parole di Sebastian Vettel, pilota Ferrari, al termine delle qualifiche a Monza. "Non è l'ideale partire così dietro, siamo tutti delusi ma è inutile pensarci, dobbiamo sgombrare la testa ma siamo fiduciosi che domani andrà meglio". Il pilota tedesco ha conquistato l'ottavo tempo, ma partirà dalla sesta posizione in griglia per la penalizzazione delle due Red Bull. "Dobbiamo comprendere la ragione della minor aderenza al suolo, non avevamo la stessa aderenza rispetto agli altri - ha commentato -. Non ne capisco il motivo, lo dovremo esaminare. Nessuno si aspettava così tanta pioggia, ringraziamo i tifosi per il calore".

"É splendido aver ottenuto questo record qui, su una pista speciale. Siamo in terra Ferrari, ma la gente ha tifato molto anche per noi della Mercedes: grazie, Italia". É l'urlo di esultanza di Lewis Hamilton, che con la pole position conquistata al Gp d'Italia ha toccato quota 69, una in più delle pole di Michael Schumacher. "Speriamo che domani la pista sia asciutta - ha detto il pilota britannico, subito dopo la fine delle qualifiche - Spero in una bella giornata italiana. E stasera festeggio con un bel piatto di pasta...".

"Non c'era aderenza, semplicemente, non siamo riusciti a far funzionare le gomme nel modo giusto e questo ha prodotto zero aderenza in gran parte della pista": Kimi Raikkonen spiega così la causa del flop Ferrari nelle qualifiche del Gp d'Italia, e secondo il finlandese non sono pesati i continui rinvii per il maltempo. "Le condizioni erano le stesse per tutti, abbiamo aspettato e aspettato ma non c'entra nulla col risultato. E' difficile andare come sulle uova nelle curve cercando velocità. Per oggi siamo delusi".