Premium Sport

Russia 2018, i tifosi potranno portare droga allo stadio

Il Comitato Organizzatore conferma: tutto lecito, a patto che vi sia una prescrizione medica

  • TTT
  • Condividi

Incredibile, ma vero. Ai prossimi Mondiali in programma in Russia (grande esclusiva di Mediaset) i tifosi potranno introdurre ogni tipo di droga all'interno degli stadi e tutto legalmente. Cocaina, eroina, codeina, morfina, anfetamine e cannabis, tutto assolutamente lecito, a patto che chi ne fa uso abbia le giuste prescrizioni mediche.

Il Comitato Organizzatore della Coppa del Mondo 2018 conferma e qualche giorno fa ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava che i narcotici saranno autorizzati e che "le forze dell'ordine che lavoreranno ai vari posti di controllo in tutto il Paese saranno incaricati di verificare l'autenticità delle prescrizioni di droga a loro mostrati".

Ma come è possibile tutto questo? Si tratta del risultato di una scappatoia burocratica. Come spiega “Newsweek”, infatti, l’Unione economica eurasiatica con sede a Mosca (EAEU), un blocco economico congiunto di paesi tra cui la Bielorussia, il Kazakistan e la Russia, consente l’ingresso nel paese di determinati stupefacenti e psicofarmaci vietati, a patto che vi sia una documentazione medica di supporto. Queste norme che consentono ai viaggiatori di importare e registrare i narcotici saranno applicabili ai milioni di tifosi di tutto il mondo che si recheranno in Russia per gli eventi della Coppa del Mondo 2018 tra giugno e luglio.

Anche le regole della FIFA consentono agli spettatori di avere con sé dei narcotici, purchè accompagnati da una prescrizione scritta in inglese o in russo, come riportato dal quotidiano “Izvestia”. Le leggi della Federazione russa sulla condotta corretta per gli spettatori saranno ancora in vigore in tutte le 11 città russe che ospiteranno gli eventi della Coppa del Mondo e anche il divieto di fumare nei locali di Mosca, San Pietroburgo e Sochi sarà ancora attivo.