Premium Sport

Mondiali, Francia-Croazia: finale mai vista

Fischio di inizio alle ore 17: Deschamps confermerà la squadra che ha battuto il Belgio, Perisic recupera

  • TTT
  • Condividi

È la finale mai vista: Francia contro Croazia. È una partita già vista, perché nel 1998, l'ultima e unica volta in cui i Bleus sono diventati campioni del mondo, in semifinale sfidarono e sconfissero proprio la sorprendente Croazia di Suker e Boban, ribaltando lo svantaggio con una doppietta di Thuram. Alle ore 17, al Luzhniki di Mosca, il Mondiale sceglie la sua regina. C'è una favorita e c'è una outsider.

La Francia arriva a questa partita col pieno di entusiasmo e forse anche di energie: non ci sono segnali di giocatori in affanno. La solidità è stato il punto di forza dall'ìnizio alla fine: il 2-0 all'Uruguay e l'1-0 al Belgio nelle ultime due gare a eliminazione diretta dicono - come ha ammesso lo stesso Griezmann - che la difesa è il punto forte per Deschamps. In tutti i sensi: per il lavoro di Giroud davanti, per la diga formata da Pogba, Kanté e Matuidi, per i terzini bloccati come Pavard ed Hernandez che però sanno quando spingersi in avanti, per Umtiti e Varane, coppia centrale forse sottovalutata e che pure ha prodotto anche gol decisivi, per le parate di Lloris. La formazione è già fatta, non ci sono dubbi: oltre ai giocatori già citati, ci saranno le due stelle Mbappé e Griezmann che dovranno fare la differenza. Può pesare, in senso negativo, la sconfitta col Portogallo nella finale di Euro 2016: anche due anni fa la Francia era la favorita e perse.

La Croazia arriva in apnea: cinque giocatori hanno saltato l'ultimo allenamento ma Perisic ha recuperato. Il gruppo arriva da tre partite consecutive chiuse ai supplementari (due ai rigori). Hanno giocato esattamente 90 minuti in più della Francia, un fattore che può essere determinante. La Croazia, Modric, Rakitic e Mandzukic a parte, non ha giocatori abituati a vincere nelle squadre di club: ha l'entusiasmo di un popolo di 4 milioni e mezzo di abitanti, un gioco migliore e forse un senso di appartenenza superiore. Bisogna capire se basterà a darle la prima coppa del mondo della sua storia.

LE FORMAZIONI UFFICIALI
Francia (4-2-3-1):
Lloris; Pavard, Umtiti, Varane, Hernandez; Pogba, Kanté; Mbappé, Griezmann, Matuidi; Giroud. All. Deschamps
Croazia (4-3-3): Subasic; Vrsaljko, Lovren, Vida, Strinic; Modric, Brozovic, Rakitic; Rebic, Mandzukic, Perisic. All. Dalic