Premium Sport

Mondiali 2018, alla scoperta del nuovo Brasile di Tite

Difesa solida e il trio Neymar-Coutinho-Jesus: è caccia al sesto trofeo

  • TTT
  • Condividi

Quella di mister Tite è una Seleção grandi numeri: finora, su 17 partite, sono arrivate 13 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta, con 38 gol segnati e cinque subiti. Il gioco del nuovo Brasile dà priorità alla difesa ma attacca anche con qualità, quasi sempre con il trio offensivo composto da Neymar, Coutinho e Gabriel Jesus.

Nel 2017, Tite e il suo staff tecnico hanno diretto ben 33 allenamenti tattici o tecnici, a cui si sono aggiunte 23 ore e 19 minuti di pratica col pallone sul campo. Considerati da molti studiosi del calcio come uno dei punti di forza della gestione Tite, i suoi osservatori hanno seguito 138 partite dal vivo, cioè negli stadi: 73 match internazionali e 65 in terra brasiliana. Inoltre, lo staff tecnico ha anche fatto visita a 36 club, tra cui squadre nazionali, europee e cinesi.

Il Brasile ha chiuso al primo posto il girone delle qualificazioni sudamericane dei Mondiali 2018, diventando la prima nazionale (dopo la Russia ospitante) a qualificarsi per la competizione che si svolgerà in Russia tra giugno e luglio.

Tite e il suo staff stanno già preparando le amichevoli di preprazione alla Coppa del Mondo, sfide contro avversari duri considerati preparatori: il 23 marzo contro la Russia a Mosca e quattro giorni dopo la Germania a Berlino nel primo contronto tra le due selezioni dopo il famoso 1-7 del Mondiale 2014 in Brasile.

Andersinho Marques