Premium Sport

Croazia nei guai: provoca Putin, Vukojevic a casa

La Nazionale di Dalic perde un altro pezzo per colpa di un video pro Ucraina

  • TTT
  • Condividi

Croazia nel caos alla vigilia della semifinale contro l’Inghilterra (domani ore 17). Dopo l’allontanamento del milanista Nikola Kalinic a inizio Mondiale, per motivi disciplinari, l’associazione calcistica croata (HNS) ha annunciato che Ognjen Vukojevic, membro dello staff tecnico del ct Dalic, “è stato sollevato dalle sue funzioni" e "non è più un membro della delegazione croata ai Mondiali".

 Colpa di una bravata sui social, al termine della vittoria ai quarti di finale contro la Russia. Vukojevic ha pubblicato un video di festeggiamenti su Instagram in compagnia del difensore Domagoj Vida. I due, ex compagni alla Dinamo Kiev, hanno intonato il coro “Gloria all’Ucraina, questa vittoria è per la Dinamo”. Immediata la reazione della Russia (e di un furioso Putin), che ha esortato la FIFA a prendere provvedimenti, e di restare fedele a uno dei dogmi cari al presidente Infantino: la politica fuori dal calcio. Richiesta esaudita: la ragazzata è costata l’allontanamento e una multa di 15mila dollari a Vukojevic. Solo un’ammonizione, invece, per Vida: il centrale si è scusato per l’incidente diplomatico (“le mie parole non avevano a che fare con la politica”, ha detto a sports.ru) e scenderà in campo contro l’Inghilterra.