Premium Sport

Napoli, Ancelotti porta campioni: si parla di Vidal e Benzema

Il tecnico ha già ricevuto garanzie di mercato, primi colloqui con Giuntoli

  • TTT
  • Condividi

Negli uffici della Filmauro prende forma il finale del cinetormentone del momento. Il Sarri sì Sarri no sta per diventare un Ancelotti sì che garantirà ancora una volta la palma di vincitore ad Aurelio De Laurentis.

Il Presidente del Napoli come sempre ha tenuto fede alle sue parole e dopo aver offerto a Sarri gli strumenti per abbracciare ancora il progetto Napoli, stante il permanere del ni del tecnico toscano, ha virato deciso verso Ancelotti, il colpaccio con cui ripartire ancora più forte agli occhi dei tifosi e non solo, anche agli occhi dell’Italia e dell’Europa, un vero e proprio regalo al suo Napoli, forte ora di un tecnico considerato da sempre garanzia di successo ed esclusiva dei top club.

Due ore e mezzo all’interno degli uffici romani di De Laurentis, fin quasi all’una di notte, per trovare l’intesa sulla base di un triennale da sei milioni e mezzo di euro a stagione, due in più rispetto a quelli offerti a Sarri, pronto ora a volare in Russia sulla panchina dello Zenit che fu di Spalletti prima e Mancini poi.

Il tutto condito da ovvie garanzie di mercato per il tecnico emiliano, che ha già incontrato Giuntoli, con il quale preparerà la lista dei nomi e le strategie per rinforzare il Napoli (i primi nomi che circolano sono da capogiro, si va da Vidal a Benzema, la Gazzetta dello Sport parla di obiettivo Suso).

Dopo aver sperimentato le panchine più elitarie d’Europa (Chelsea, Real Madrid, Paris Saint Germain e Bayern Monaco), Ancelotti è pronto a respirare di nuovo l’aria del campionato italianp, anche perché quando al fianco di De Laurentis compare l’uomo dei contratti, Andrea Chiavelli, il tempo delle firme è vicino. Il finale a sorpresa nei film è un plus, ma questa volta sembra da escludere. Quel che è certo è che il Napoli avrà sicuramente un maestro di calcio, probabilmente con più C e una cadenza molto diversa dal precedente.

Federico Mastria