Premium Sport

"Kakà-Milan, no al ritorno da giocatore ma come dirigente..."

Indiscrezioni dal Brasile: Carlo Pellegatti spiega la linea della società rossonera

  • TTT
  • Condividi

Al momento, come ha tenuto a ribadire lui stesso, l'unica notizia certa è che Kakà ha chiuso la sua esperienza in MLS con l'Orlando City. Ma le opzioni sul tavolo del brasiliano sono essenzialmente tre: le prime due erano note a tutti, ritiro o ritorno al San Paolo mentre la terza avrebbe del clamoroso. Kakà avrebbe chiesto al Milan di giocare altri sei mesi con la maglia rossonera per poi passare dietro la scrivania di un club che ha sempre amato.  

Diverse fonti brasiliane confermano lo scenario, Fassone starebbe valutando come rispondergli e un indizio in più arriva direttamente dal profilo Instagram dell'ex numero 22 rossonero. In un post di saluto all'Orlando City, Nigel De Jong (compagno di Kakà al Milan nella stagione 2013-14) ha commentato: "In bocca al lupo, sei il migliore. Auguri per il prossimo futuro" aggiungendo due cerchi di colore rossonero. 

Per Kakà sarebbe la terza esperienza al Milan dopo le stagioni 2003-2009 e l'annata 2013-14: il brasiliano in rossonero ha giocato 307 partite segnando 104 gol e vincendo una serie A, una Supercoppa Italiana, due Supercoppe Europee, una Champions League e un Mondiale per Club. A stoppare le voci ha pensato Carlo Pellegatti nel corso di Premium Sport News, rivelando la linea della società rossonera: il club di via Aldo Rossi a oggi non ha in mente di far tornare il brasiliano. Tuttavia Marco Fassone non ha escluso che in futuro il 35 enne potrebbe diventare dirigente della sua ex squadra: non ci sono stati contatti tra le parti ma potrebbero esserci nei prossimi mesi.

IL COMMENTO DI DE JONG