Premium Sport

Juventus-Ronaldo, incontro con Paratici prima del Mondiale

Emergono nuovi retroscena sulla trattativa: CR7 vuole 30 milioni all'anno senza l'intervento di sponsor

  • TTT
  • Condividi

L'affare del secolo non è frutto della fantasia: come svelato da Paolo Bargiggia nel corso di Buongiorno Mosca su Premium Sport, prima del Mondiale c'è stato un incontro tra Fabio Paratici e Cristiano Ronaldo. L'operazione è partita da Jorge Mendes e CR7 che si sono offerti alla Juve, non sono stati i bianconeri ad aver cercato il portoghese. E il perché non è difficile da capire.

Com'è noto, Ronaldo si sente vittima del fisco spagnolo e non tutelato dal club: vuole che il Real faccia come ha fatto il Barça con Messi, aiutandolo anche a pagare il debito col Fisco, col quale ha patteggiato una multa da 15 milioni. Alla Juve ne chiede 30 netti di ingaggio a stagione, senza l'intervento di sponsor esterni (si era parlato di Jeep), perché col suo brand CR7 difficilmente fa entrare altri sponsor. Su queste basi la trattativa è difficile, ma Paratici continua a mantenere saldi i rapporti con Mendes e lo stesso Ronaldo.

Vanno precisate due cose: innanzitutto non è da considerare chiusa del tutto la trattativa per il rinnovo col Real Madrid, poi non va scartata l'ipotesi Manchester United, anche perché, a quanto pare, Mourinho e Ronaldo hanno fatto pace dopo i problemi sorti quando lo Special One allenava i blancos. Infine va chiarito che la clausola da un miliardo di euro è stata cancellata per certi mercati e abbassata a una cifra non ancora svelata tra i 100 e i 150 milioni. Da questo punto di vista, più che da quello dell'ingaggio, per la Juve non sarebbe un problema.