Premium Sport

Juve-Emre Can, è fatta. E Alex Sandro può andar via

Rinnovo in vista per Barzagli, Lichtsteiner partirà a giugno insieme a Sturaro, Khedira e forse Marchisio

  • TTT
  • Condividi

Buone tradizioni da rispettare. Anche quest’anno per la Juve gennaio sarà il mese giusto per il primo colpo estivo. Il gelo che porta al sole. Paradossale nella forma ma non nella sostanza. La buona pratica è ormai consolidata e si rinnova con l’ennesimo grande colpo a costo zero della coppia Marotta-Paratici: la Juve ha praticamente chiuso per Emre Can. Il centrocampista del Liverpool sbarcherà a Torino a giugno a scadenza di contratto. Anche Klopp ormai si è rassegnato a perdere il tedesco di origine turca e la società bianconera può lavorare ai fianchi dei Reds per anticipare a gennaio l’arrivo del giocatore con il pagamento di un indennizzo inferiore ai 10 milioni di euro.

Il maggior candidato a lasciargli spazio è Sturaro. Piace molto al Valencia. Il club spagnolo punta al prestito, il club bianconero valuta l’ex Genoa 12 milioni e vuole cederlo a titolo definitivo. La formula giusta può essere il prestito con diritto di riscatto. A giugno potrebbero cambiare aria altri due centrocampisti bianconeri: Khedira e Marchisio, entrambi attratti dall’esperienza in MLS.

A gennaio non dovrebbero esserci grossi movimenti nel reparto offensivo: qualità e quantità non mancano. Possibili scossoni invece in difesa. A rompere gli equilibri c’è la situazione di Alex Sandro. Che va monitorata. Il brasiliano sta vivendo una stagione difficile tanto che nelle gerarchie di Allegri è stato scavalcato da Asamoah. Era stato corteggiato a lungo dal Chelsea nel corso dell’estate. Ora ci prova il Manchester United. Con 60 milioni sul tavolo la Juve ci può pensare. Destini opposti per Barzagli e Lichtsteiner, entrambi in scadenza di contratto a giugno. Per l’azzurro è pronto il rinnovo fino al 2019. Lo svizzero fa le valigie. Il Valencia si è fatto avanti ma occhio alla Lazio, pronta ad offrirgli un biennale per farlo tornare in biancoceleste.

Simone Cerrano