Premium Sport

Ranieri: "Se dovesse chiamarmi l'Italia chiederei al Nantes di liberarmi"

Il tecnico: "Qui sto benissimo ma tutti gli allenatori vorrebbero guidare la Nazionale"

  • TTT
  • Condividi

"Io credo che tutti gli allenatori vorrebbero allenare la Nazionale italiana. Per il legame con il proprio paese, perchè la Nazionale è piena di storia, è nel cuore degli italiani". In un'intervista al Corriere dello Sport Claudio Ranieri non nega di 'sognare' la panchina azzurra. 

"Io a Nantes sto bene, anzi benissimo. Dovesse arrivare una richiesta - prosegue il tecnico - certo che andrei dal presidente a chiedergli di lasciarmi libero. Però io credo che ora la cosa più importante sia rifare la Federazione, con energie e progetti nuovi. Tutto parte da lì. Dopo, solo dopo, viene l'allenatore. Questo è il calcio, oggi. Progetto e talento, mai separati".    

La delusione per l'eliminazione dei Mondiali è ancora tanta ma Ranieri suggerisce dunque di guardare avanti: "Potrebbe essere anche un bene perché il calcio italiano va rifondato. Bisogna rimettere la Nazionale al centro di tutto, altrimenti accontentiamoci, mandiamo le squadre di club a fare il campionato mondiale. La Nazionale così  non diventa più uno spot del calcio italiano, non genera più l'orgoglio di essere tutti italiani e l'emozione di vivere tutti insieme le estati tifando azzurro, come abbiamo sempre fatto, dal 1962 a oggi".