Premium Sport

Psg, un'altra spina: Ben Arfa denuncia il club per discriminazione

L'ex giocatore del Nizza è stato costretto ad allenarsi con la Primavera

  • TTT
  • Condividi

Aria sempre tesa al Psg. Dopo il caso Cavani-Neymar, a quanto pare rientrato, a tener banco è la questione Ben Arfa. Il franco-tunisino ha deciso di denunciare il club parigino alla commissione giuridica della Ligue 1 come reso noto dal suo avvocato all'Equipe. "Abbiamo inviato una denuncia per discriminazione: martedì gli hanno chiesto di allenarsi con le riserve (l'equivalente delle nostra Primavera) per non disturbare la preparazione della partita col Bayern Monaco e lui l'ha capito. Mercoledì è tornato al campo e gli hanno detto che dovrà ancora allenarsi con le riserve, senza una spiegazione" ha sottolineato Jean-Jacques Bertrand.

Questa situazione va avanti da tempo, dallo scorso luglio: "Stanno usando dei metodi psicologici contro di lui. Gli hanno detto che non avrebbe partecipato alle tournée estiva solo un giorno prima. I suoi allenamenti con la formazione riserve che dovevano essere temporanei sono continuati giorno dopo giorno. Si tratta di una mancanza di rispetto". 

Alla base dello scontro la decisione di Ben Arfa (contratto in scadenza nel 2018 con ingaggio da 7 milioni) di rifiutare varie destinazioni e rimanere nella capitale francese. Nel 2001 una vicenda simile, sempre al Psg con protagonista Luyindula: alla fine venne reintegrato in prima squadra senza giocare mai.