Premium Sport

Psg, Neymar-Emery altro scontro: allenatore via a fine anno

Il tecnico non va d'accordo con la stella brasiliana: se non vince tutto, sarà congedato dal club

  • TTT
  • Condividi

I soldi che muove il bizzoso Neymar sono direttamente proporzionali alle polemiche procurate da ogni suo gesto. L'ultima è sparata in prima pagina dall'Equipe e racconta di come il brasiliano sia ai ferri corti con Emery, il suo allenatore. Gesti di fastidio, insofferenza nel seguire le video analisi e un litigio in merito alla scelta del tecnico di non farlo allenare dopo un match in cui aveva riposato, contrariamente a quello che avrebbe voluto fare mister 222 milioni.

Non ci sono conferme ufficiali dello strappo ovviamente, non bisogna disturbare il manovratore ma, conoscendo l'influenza di Neymar sui destini del club è probabile che a fine stagione Emery venga congedato. A meno che vinca tutto quello che c'è da vincere dopo gli investimenti estivi da record. Oltretutto, Emery è rimasto sulla panchina francese per i rifiuti estivi di altri colleghi di grido, a cominciare da Allegri. Ma questa è un'altra storia. E, per capire come mai Neymar, con i soldi che guadagna, trovi più motivi per litigare che serenità dentro al Psg, ci vorrebbe un bravo psicologo.

Intanto, i giornali francesi ne approfittano, fanno il loro mestiere, si sfidano a suon di indiscrezioni e vendono copie. Aveva cominciato l'Equipe cavalcando lo scontro pesante tra Neymar e Cavani sulla questione di chi doveva battere i rigori; questione di bonus sotto forma di soldi, tanti come al solito. Poi Le Parisien si è preso la rivincita racocntando dei super privilegi concessi a Neymar al limite del paradossale: nientre contrasti in allenamento per no danneggiarlo, l'esenzione a difendere in partita e altre cosine del genere; insomma, roba da ricchi veri.

Paolo Bargiggia