Premium Sport

Ligue 1: Monaco-Marsiglia 6-1: Jardim distrugge Garcia

Bielsa respira: 1-1 con l'Angers. Strasburgo ko con il Guingamp

  • TTT
  • Condividi

Rispetto all'anno scorso, il Monaco ha perso Mendy, Bernardo Silva, Bakayoko e si appresta a perdere pure Mbappé (novanta minuti in panchina, fischiato dal Louis II in vista della cessione al Psg) ma nessuno, in Francia, sembra accorgersene. Ai nastri di partenza della Ligue 1 il Marsiglia di Garcia era dato tra i contendenti allo scudetto visti gli acquisti - tra i quali Thauvin, Luiz Gustavo, Rami, Mandanda - ma nel primo scontro diretto della stagione ne prende 6 proprio dai campioni in carica.

Dopo mezz'ora siamo già 3-0 con la doppietta di Falcao e il sigillo iniziale di Glik, al tramonto del primo tempo il poker firmato Diakhaby. Nella ripresa partita già finita ma i monegaschi si tolgono lo sfizio di segnarne altre due con Sidibe e Fabinho (su rigore) mentre il Marsiglia segna il gol della bandiera con Cabella: finisce 6-1. Jardim aggancia il Psg in vetta a quota 12 mettendo un primo solco sulle inseguitrici, Garcia rimane fermo a sette punti.

ANGERS-LILLE 1-1
Marcelo Bielsa e il Lille respirano dopo due sconfitte consecutive: 1-1 ad Angers, che completa la quarta partita senza sconfitte e conferma il buon avvio di stagione. Dopo 45' avari di emozioni il match si infiamma nella ripresa. La prima vera chance è degli ospiti: Araujo, servito da Bissouma, viene chiuso in uscita da Letellier. La riposta dei bianconeri non si fa attendere: Maignan devia in angolo il gran sinistro di Fulgini. L'undici di Moulin insiste: Junior Alonso è deteminante nel salvare sulla linea il tentativo di Coulibaly. Sul corner successivo, al 60', il centrocampista maliano sigla di testa l'1-0. Alla formazione di Bielsa bastano solo 8' per pareggiare grazie a De Preville: il suo destro a giro fulmina Letellier.   

GUINGAMP-STRASBURGO 2-0
Primo successo casalingo in questa stagione per il Guingamp che batte 2-0 lo Strasburgo. A dispetto del risultato per lunghi tratti gli ospiti dominano sfiorando a più riprese il gol. La rete nonarriva per l'imprecisione degli attaccanti di Laurey e per la buona sorte che accompagna i rossoneri, salvati dai pali in tre diverse occasioni (sui tiri di Aholou, Terrier e Sackho). Al 63' la svolta con il vantaggio siglato di testa da Diallo. L'undici di Kombouaré, approfittando di un calo fisico dei rivali, controlla senza troppi problemi e arrotonda poi il risultato a 3' dal termine grazie alla pregevole girata mancina di Briand.