Premium Sport

ICC, Juventus-Psg 3-2: Marchisio in versione Pipita

Il Principino segna una doppietta, ottima la prova del baby Kean

  • TTT
  • Condividi

Dopo il ko con il Barcellona si attendevano risposte e Allegri le ha avute: Ici, c'est la Juventus. A Miami il Paris Saint-Germain si arrende 3-2 nel finale grazie ad un Marchisio in versione Higuain che segna una doppietta e regala in extremis la prima gioia della stagione ai bianconeri.

Juve in campo nel primo tempo con Lichtsteiner, Benatia, Chiellini ed Alex Sandro davanti a Buffon, il tandem Khedira-Bentancur in mediana e il 'tridente' Cuadrado-Dybala-Mandzukic alle spalle di Higuain. La prima frazione è molto divertente e vive soprattutto sulla sfida tutta talento tra Dybala e Di Maria, entrambi ispirati ma anche sfortunati al momento di trovare la porta. Quando però i primi 45 minuti sembrano destinati a chiudersi sullo 0-0, a sbloccarla ci pensa Higuain, che chiude un triangolo delizioso proprio con la 'Joya' e trafigge Areola con un colpo sotto.

Nel secondo tempo solita girandola di cambi, Allegri rivoluziona la Juve lasciando in campo il solo Buffon (Buffon (65′ Pinsoglio); De Sciglio, Barzagli, Mandragora, Asamoah; Pjanic, Rincon; Sturaro, Marchisio, Caligara; Kean), mentre tra le fila del Psg entra anche l'ex Dani Alves: in apertura di ripresa Sturaro sfiora il raddoppio scheggiando il palo su assist di De Sciglio, poi i transalpini pareggiano: Di Maria illumina per Guedes, che a porta vuota insacca e fa 1-1. La Juve torna avanti a metà ripresa grazie ad un bolide da fuori di Marchisio, ben servito dal positivissimo Kean. Entra Pinsoglio al posto di Buffon ed è bravissimo su Lo Celso, ma a 10' dal termine deve arrendersi sull'incornata vincente di Pastore.

Risultato di nuovo in parità, rigori in avvicinamento, ma a deciderla ci pensa ancora Marchisio, che consegna la vittoria ai bianconeri trasformando con freddezza il rigore conquistato da Kean a due minuti dal triplice fischio. L'ultimo squillo è di Dani Alves, ma Pinsoglio risponde presente: esulta la Vecchia Signora.

Allegri: "Bel test ma bisogna migliorare'