Premium Sport

Roma, Pallotta dopo l'Atletico: "Non sono soddisfatto"

Il presidente giallorosso: "Non era facile giocare dopo una sosta così prolungata"

  • TTT
  • Condividi

"Non sono soddisfatto, potrei dire un paio di cose che si potevano fare meglio ma non era facile giocare dopo una sosta così lunga". Il presidente della Roma James Pallotta intercettato dai giornalisti al termine della sfida contro l'Atletico Madrid si mostra in parte deluso per la prestazione fornita dai giallorossi nell'esordio del gruppo C di Champions League. Giallorossi che, causa rinvio della partita con la Samp, non scendevano in campo in gare ufficiali dal 26 agosto.   

I capitolini sono riusciti a strappare il punto dopo un match soffertissimo e grazie alle parate di un super Alisson: "Loro hanno dei grandi giocatori e Alisson è stato il numero 1". Le parole di Pallotta sembrano fare il paio con quelle di Dzeko a Premium Sport (prima della precisazioine odierna): "Una squadra come la nostra non può giocare così nel finale. Si sente la mancanza di Totti e di Salah e anche Nainggolan giocava più vicino a me l'anno scorso. Serve pazienza ma questo punto era importante per andare avanti".

Già, pazienza. Dalle parti di Trigoria avevano messo probabilmente in preventivo le difficoltà legate al cambio di allenatore: i giocatori devono ancora assimilare i dettami tattici di Di Francesco e Nainggolan lo ha detto a chiare lettere subito dopo il pari con l'undici di Simeone. Per questo  l'estetica al momento può essere messa da parte: conta il risultato e lo 0-0 di ieri è preziosissimo.