Premium Sport

Rimini, il presidente scrive a Karius: "Vieni da noi"

Giorgio Grassi ha scritto una lettera aperta al portiere del Liverpool, protagonista in negativo della finale di Kiev

  • TTT
  • Condividi

Il Rimini Fc, neopromosso in Lega Pro, offre un anno di contratto a Loris Karius, portiere del Liverpool protagonista di due clamorosi errori nella finale di Champions League. È direttamente il presidente della società romagnola, Giorgio Grassi, a lanciare la proposta, con una lettera sul sito del club.

"Il prossimo 22 giugno Loris Karius, portiere del Liverpool protagonista della serataccia nella finale di Champions League, compirà 25 anni. Mi piacerebbe ospitare il portiere tedesco per qualche giorno a Rimini, terra dell’accoglienza e da sempre frequentata dai suoi connazionali - si legge sul sito ufficiale del Rimini - Vorrei fargli anche un regalo: un anno di contratto con il Rimini Fc il luogo ideale dove ritrovare serenità, autostima e forza per rincorrere il suo sogno. Sia chiaro, non sarà una passeggiata poiché si troverà in competizione con un grande come Francesco 'Ciccio' Scotti, ma di sicuro troverà una grande famiglia, dove del successo si considera la natura e non il rumore e dove troverà una città pronta a sostenerlo nel ritornare un numero uno tra i Pro".

"Sarei felice di incontrarlo a Rimini - scrive ancora il presidente Grassi - per ricordargli come ci voglia solo coraggio, o forse buon senso, per capire che le lezioni migliori sono di solito le più dure, quelle più difficili da sostenere. Ci siamo passati tutti, purtroppo per lui sotto gli occhi di milioni di persone. Perché in fondo l’unico vero fallimento è, in realtà, nel permettere alla sconfitta di avere la meglio su di noi. Vorrei dire queste parole a Loris perché possano aiutarlo nel diventare l’ennesimo esempio di chi nel calcio, come nella vita, cade e si rialza. Perché sono le persone e la loro determinazione a fare la differenza e non i curriculum, le finali perse o gli errori commessi. Conta invece come ci poniamo davanti alle sfide, con quale spirito e voglia di fare".