Premium Sport

Juventus, Chiellini: "Se qualcuno avesse messo le mani addosso all’arbitro non avrei detto niente"

Il difensore dopo il Real: "Rigore folle così come il rosso a Buffon"

  • TTT
  • Condividi

Ancora polemiche per il rigore concesso al Real Madrid contro la Juventus nelle parole di Giorgio Chiellini a margine della partita riportate dal Corriere dello Sport: "Il mio gesto dei soldi? C’è poco da spiegare perché quello che è successo lo avete visto. Stavolta è accaduto a noi, 12 mesi fa al Bayern: chiedete ad Ancelotti e ai giornalisti tedeschi… Dal campo sembrava impossibile dare un rigore così folle e quando l’arbitro lo ha fischiato è già tanto che non sia successo di peggio".

Il difensore bianconero ritorna a quei momenti concitati: "Siamo stati bravi a non esagerare perché in certi momenti rischi di fare di tutto. Mettere le mani addosso è un attimo. Se fosse successo non mi sarei sentito di dire niente ai miei compagni. È stato uno sforzo enorme non andare oltre".

Poi, sull’espulsione di Buffon? "Una follia, una cosa che non sta né in cielo né in terra. Al massimo doveva essere espulso Benatia… Ci voleva più elasticità mentale. Tra andata e ritorno non siamo stati un po’ penalizzati: siamo stati massacrati, il metro di giudizio è stato diverso".

Chiusura amara: "Peccato perché, con il Barcellona fuori, due italiane in semifinale sarebbero state una gran cosa. Detto questo, sono orgoglioso di far parte di questa squadra immensa: abbiamo fatto una partita che rimarrà nella storia.