Premium Sport

Juve, Tacconi controcorrente: "Buffon doveva spaccargli la faccia"

L'ex portiere bianconero: "Sarebbe stata la grande fine di una carriera stupenda"

  • TTT
  • Condividi

La scenata di Buffon, e le sue parole ai nostri microfoni nel post Real-Madrid-Juventus, hanno acceso il dibattito all'interno del mondo del calcio. Se da un lato il suo ex capitano, Alex Del Piero, ha 'tirato le orecchie' al numero uno bianconero, dall'altro un altro ex bianconero, Stefano Tacconi, pensa invece che il portiere sia stato troppo 'morbido': "Sapendo di smettere, io all'arbitro gli avrei spaccato la faccia - ha detto Tacconi a RMC Sport - Credo che sarebbe stata la grande fine di una carriera stupenda".

L'ex portiere non è affatto d'accordo con la decisione dell'arbitro Oliver che ha deciso la qualificazione: "Non puoi dare un rigore così al 95esimo. Psicologicamente arbitro e giocatori sono in tensione e non puoi dare un rigore del genere". Poi Tacconi si scaglia contro Collina con pesanti accuse: "Io dico che è in malafede, secondo me è stato un arbitro corruttibile, non può legittimare certe situazioni nei confronti delle squadre italiane, come fece contro la Juventus a Perugia. È in malafede e come dice Andre Agnelli si deve cambiare il designatore degli arbitri europei ogni 2-3 anni".

Poi anche un commento sulla gara: "Grande partita della Juve, però guardando tutti i social ciò che mi rammarica è che quando ha vinto la Roma, tutte le squadre italiane a erano lì a complimentarsi, invece quando perde la Juve, casualmente sono tutte contro e questo mi dispiace molto. Sicuramente il Napoli avrebbe preferito che la Juventus fosse andata avanti - aggiunge Tacconi - Adesso saranno molto arrabbiati, più concentrati e non ce ne sarà più per nessuno. La rabbia compatterà tutti e si punterà a scudetto e Coppa Italia".