Premium Sport

Juve, Lichtsteiner: "Fuori dalla lista Champions? E' stata durissima..."

Il terzino a Premium: "Meglio il Monaco del Real ma non abbiamo ancora vinto nulla"

  • TTT
  • Condividi

"Non facciamo calcoli però è meglio il Monaco del Real Madrid. Rimane però un avversario pericoloso perché non ha niente da perdere ed è una squadra giovanissima, veloce e forte che gioca un ottimo calcio e fa tanti gol. La pressione è su di noi però il loro punto debole potrebbe essere la poca esperienza". Stephan Lichtsteiner, ai microfoni di Premium Sport, si mostra fiducioso dopo il sorteggio di Champions League effettuato a Nyon.     

D'altronde nei quarti la Juve ha affrontato un avversario di enorme spessore: "Aver superato il Barcellona significa tanto nel nostro percorso di crescita. Negli ultimi tre anni abbiamo battuto il Real e perso in finale con i blaugrana disputando una buona partita, siamo usciti con il Bayern andando vicinissimi alla qualificazione e quindi è cresciuta la consapevolezza di potercela giocare con tutti. Dal punto di vista mentale abbiamo raggiunto l'obiettivo. E' normale che le altre squadre ci temano però anche noi temiamo gli altri".

La squadra di Allegri ha così vendicato la sconfitta del 2015: "Sono cambiati quasi tutti i giocatori ma chi è rimasto ricorda quanto è avvenuto a Berlino e ha potuto lavorare sui dettagli con maggiore attenzione".

Lichtsteiner però predica prudenza in vista del finale di stagione: "Non abbiamo ancora vinto nulla. Possiamo vincere tutto nelle prossime 5/6 settimane ma anche perdere tutto. Siamo a un buon punto però è ancora tutto da fare. "Se ho la sensazione che questo possa essere l'anno giusto? Vediamo, ci crediamo come gli altri anni. Siamo in semifinale, più andiamo avanti e più cresce la convinzione".  

Tra i segreti dello splendido cammino europeo c'è sicuramente la svolta tattica di Allegri: "In questi tre anni abbiamo giocato con tre moduli diversi, quest'anno anche, siamo partiti col 3-5-2 e arrivati al 4-2-3-1 passando per il 4-3-1-2: è perfetto avere una squadra che può giocare in differenti modi. L'ultimo, visti i risultati, è migliore".

Per il terzino la Champions in corso non era iniziata bene: "Il mancato inserimento nella lista è stato durissimo da accettare, però è acqua passata, c'è una storia dietro però siamo contenti perché da quando abbiamo chiarito le cose sono andate alla perfezione. Non bisogna più passare al passato: è stato brutto ma nella vita succedono queste cose".