Premium Sport

Juve, di Berlino restano Buffon e Bonucci. E ti manca un Vidal...

Solo due titolari della finale 2015 rispetto all'undici base di questa stagione. Al Barça manca solo... Dani Alves

  • TTT
  • Condividi

Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Morata, Tevez. Allenatore Allegri. Il tabellino di Juventus-Barcellona, finale Champions 2015, svela la formazione titolare. Sei di quei giocatori non ci sono più e non ci sono più nemmeno i tre giocatori che il tecnico, lui sì rimasto lo stesso, mandò in campo per provare a cambiare le sorti della partita, Pereyra, Llorente e Coman. Completavano la panchina Storari, Ogbonna, Padoin e Sturaro, di questi solo l'ultimo veste ancora il bianconero. 

Oggi la possibile formazione base della Juve vede solo due degli undici titolari di Berlino: Bonucci e Buffon. Perché Barzagli è di fatto la prima alternativa ai due centrali (Chiellini era infortunato due anni fa e per questo non giocò); Marchisio potrebbe scalare le gerarchie, ma stando ai dati delle ultime settimane i due centrocampisti titolari del 4-2-3-1 sono Pjanic e Khedira; Dani Alves, recuperato dall'infortunio, sembra aver scalzato Lichtsteiner.

Quella Juve perse 3-1 al termine di una partita in cui ebbe la capacità di resistere per 45 minuti e poi il merito di ribaltare tutto sul piano del gioco nella ripresa, col rimpianto di un rigore non concesso e la resa finale a uno squadrone che quell'anno era irresistibile. Questa Juve ha un Dybala in più che all'epoca non c'era, un giocatore in grado di dare fantasia tra le linee. E ha sicuramente un Vidal in meno: un lottatore capace di fare tutto e di essere decisivo nelle due fasi.

Poi, ruolo per ruolo, si può discutere dove sia migliorata e dove peggiorata: Alex Sandro ha più sprint di Evra, Higuain ha meno carisma di Tevez, Pjanic non è ancora Pirlo, anche se quel Pirlo era già al tramonto. Le ali (quella vera, Cuadrado, e quella finta, Mandzukic) semplicemente non c'erano in quel sistema di gioco, ammesso che Allegri scelga il 4-2-3-1 nel doppio confronto col Barça.

Il Barcellona, invece, è rimasto quasi lo stesso: Ter Stegen; Dani Alves, Mascherano, Piqué, Jordi Alba; Rakitic, Busquets, Iniesta; Messi, Suarez, Neymar. L'unico intruso del 2015 rispetto a oggi è Dani Alves, gli altri sono rimasti e sono tutti titolari, anche se a Torino mancherà Busquets, squalificato. La differenza è che sono passati due anni e stando alle parole di Domenech (e in parte di Sacchi) "Messi cammina". All'epoca volava e fece parecchio male.