Premium Sport

E' morta Erika, la donna travolta dalla calca di piazza San Carlo

La 38enne era rimasta vittima di un infarto da schiacciamento negli incidenti di Torino

  • TTT
  • Condividi

E' morta alle 21.56 di giovedì sera Erika Pioletti, la 38enne ricoverata all'ospedale San Giovanni Bosco di Torino dallo scorso 3 giugno, quando è stata colta da un infarto da schiacciamento nella calca di piazza San Carlo. I genitori hanno espresso la volontà di donare gli organi. Lo rende noto l'Ospedale San Giovanni Bosco, precisando che "poiché sono in corso indagini da parte della Procura della Repubblica non può rilasciare nessuna dichiarazione".

Erika era originaria di Beura Cardezza, piccolo paese a pochi chilometri da Domodossola (Verbania) e dal confine con la Svizzera. Impiegata in uno studio di commercialisti, era in piazza San Carlo per accontentare il compagno, tifoso della Juventus. Anche l'uomo è rimasto ferito nella notte di panico che ha scatenato la fuga dei 30 mila tifosi bianconeri assiepati nella piazza per assistere alla finale Champions dal maxischermo allestito per l'occasione.

APPENDINO: "PROFONDO DOLORE, LUTTO CITTADINO PER I FUNERALI"

"In un momento di così profondo dolore, ogni parola sarebbe superflua". Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino, appresa la notizia della morte di Erika Pioletti, la 38enne ferita lo scorso 3 giugno in piazza San Carlo. "Posso solo esprimere le più sincere condoglianze mie e di tutta la Città - aggiunge la prima cittadina - a famigliari e amici di Erika. Per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino". Intanto la Procura di Torino, che indaga sui fatti di piazza San Carlo, valuterà nelle prossime ore la riqualificazione del reato al momento ipotizzato contro ignoti da lesioni colpose a omicidio colposo.