Premium Sport

Champions, Bayern-Siviglia 0-0: Heynckes in semifinale

Bavaresi tra le migliori quattro d'Europa con il minimo sforzo

  • TTT
  • Condividi

Missione compiuta con il minimo sforzo. Mentre al Bernabeu succedeva di tutto, all'Allianz Arena il Bayern Monaco stemperava il vigore agonistico del Siviglia di Montella facendo una gara molto accorta e più di attesa che di offesa. La squadra di Heynckes conquista le semifinali di Champions League pareggiando 0-0 davanti al pubblico di casa e passando al turno successivo in virtù della vittoria per 2-1 in Spagna di una settimana fa. Partita equilibrata ma non esattamente divertente, il Bayern ha creato ma senza concretizzare, l'occasione migliore del match è stata per Correa, ma il colpo di testa che avrebbe potuto riaprire i giochi si è stampato sulla traversa. 

Bayern Monaco-Siviglia 0-0 (tabellino e cronaca)

Heynckes rischia 4 diffidati su 6 e manda in campo un 4-1-4-1 molto offensivo in cui preferisce Rafinha a Bernat (indisponibile Alaba) e piazza Javi Martinez davanti alla difesa: dietro Lewandowski agiscono Robben, Ribery, James e Muller. Montella risponde piazzandosi a specchio con Mercado al centro della difesa al posto dell'indisponibile Kjaer, e Banega (squalificato all'andata) che agisce vicino a N'Zonzi in cabina di regia: alle spalle di Ben Yedder ci sono Sarabia, Vazquez e Correa, Muriel in panchina.

L'Allianz Arena è tutto esaurito e nei primi minuti il Bayern prova subito ad accenderlo con la punizione alta di poco di James, un diagonale di Robben che si spegne sul fondo e con Lewandowski che impegna Soria di Testa, ma dopo i primi minuti all'arrembaggio i tedeschi abbassano il baricentro e lasciano spazio al Siviglia, che pian piano prende in mano le redini del gioco. Gli andalusi protestano al 15' per un presunto tocco di mano di Boateng, poi ci provano Ben Yedder e Escudero in spaccata, il Bayern si difende, attende e prova a colpire in contropiede dimostrando molto rispetto per la squadra di Montella. Nel finale della prima frazione i bavaresi tornano a farsi pericolosi con l'ispirato Ribery, ma Soria è super e gli dice di no, poco dopo gran ripartenza guidata da Muller, ma Robben spreca. Le ultime emozioni la regalano Jesus Navas con un clamoroso recupero che toglie la gioia del gol a Ribery e Rafinha, che anticipa Sarabia un secondo prima che battesse Ulreich: si va al riposo sullo 0-0.

La ripresa comincia senza cambi e sulla stessa falsa riga del primo tempo, con i padroni di casa che attaccano a testa bassa alla ricerca del gol che chiuderebbe i conti. Al 48' grande occasione per Lewandowski di testa, ma il polacco trova solo esterno della rete, tre minuti più tardi diagonale di James parato da Soria, poi Muller calcia da ottima posizione ma troppo centrale (54'). Come nel primi 45', però, dopo l'avvio a mille il Bayern arretra e rischia subito, Correa gira di testa e colpisce in pieno la traversa a portiere battuto. Il Siviglia si riaccende improvvisamente, Banega ci prova da fuori ma manda a lato, Montella manda in campo Muriel e Ramirez per Ben Yedder e Sarabia (70'): Heynckes si copre inserendo Thiago Alcantare per Ribery, poi richiama in panchina un opaco Lewandowski e getta nella mischia Wagner. Nel finale il Bayern amministra il ritmo e fa possesso palla senza rischiare granché sino al triplice fischio che vuol dire semifinale, il Siviglia torna a casa, ma a testa alta (nonostante l'espulsione di Correa): con un po' più di fortuna all'andata sarebbe potuta essere un'altra storia.