Premium Sport

Birindelli: "Juve, passi tu: il Barcellona non è continuo"

L'ex difensore protagonista nel 2003 al Camp Nou: "Rispetto a due anni fa i bianconeri sono più forti"

  • TTT
  • Condividi

"Vado a vederla e la Juve passa". Alessandro Birindelli si candida a portafortuna: in passato è stato trascinatore sul campo, anche contro il Barcellona, adesso è comunque un tifoso bianconero e spera di veder ripetere a Dybala e compagni l'impresa di cui lui fu protagonista nel 2003, quando l'allora squadra di Lippi riuscì a vincere al Camp Nou ai tempi supplementari guadagnando l'accesso alle semifinali. Merito anche suo, appunto, con l'assist del gol partita a Zalayeta.

"Qualunque squadra fosse uscita dall'urna sarebbe stata una partita difficile - spiega l'ex difensore bianconero a Premium parlando del sorteggio di Champions -. Io credo che tutto sommato sia anche un bene, il Barcellona ha dimostrato che durante l'anno non ha una grande continuità quindi c'è la possibilità di trovarlo in uno stato di forma non eccezionale nel doppio confronto, poi la Juve ha due anni di esperienza in più rispetto alla finale di Berlino e ha acquistato più sicurezza, determinazione e convinzione".

Birindelli fa anche un tuffo nel passato riguardando l'eccezionale gol di La Coruña, sempre in quella Champions: "A La Coruña eravamo sotto: ho fatto pochi gol ma buoni e importanti, eravamo sotto e riuscimmo a rimontare. Per me quello fu un anno eccezionale, ero nel giro della Nazionale di Trapattoni, ho fatto una Champions importante. Ho fatto una grande carriera, sono felice di aver vissuto momenti indimenticabili"