Premium Sport

Manu, 10 anni e gran talento: guerra Barcellona-Gremio

Il club brasiliano accusa i blaugrana di avergli "scippato" il piccolo calciatore, i catalani smentiscono e mostrano le prove

  • TTT
  • Condividi

Dieci anni e un talento infinito che potete ammirare in ogni sua veste su Youtube. Almeno per ora bisogna accontentarsi di immagini un po' sgranate per vedere chi è Emanuel Silva Ferreira, per tutti Manu: anche la foto che gira sul web, con il bambino accanto a Luis Suarez e Leo Messi, è un po' sfocata, e del resto, a quanto pare, anche il caso che lo riguarda non è poi così limpido.

Due giorni fa il Gremio, dove attualmente gioca il piccolo calciatore, è uscito allo scoperto attaccando il Barcellona, dove Manu si è recato per un paio di settimane durante le vacanze scolastiche: "Non è la prima volta che lo fanno - ha detto il dirigente del Gremio Nestor Hein a GloboEsporte - Verosimilmente lo manderanno a una scuola calcio per due anni, poi lo faranno firmare. Giovedì o venerdì adiremo le vie legali rivolgendoci alla Fifa".

Il Barcellona, già sanzionato dalla Fifa stessa in passato per il tesseramento illegale di minorenni, ha respinto l'accusa mostrando un documento inviato dal Gremio e firmato dal d.g. Carlos Alberto Silva Nascimento, nel quale si legge l'autorizzazione dei brasiliani a far allenare il piccolo Manu presso le strutture del club catalano dal 23 gennaio al 10 febbraio. Il Barça, che è arrivato a Manu tramite Mazinho (campione del mondo '94 con un passato anche alla Fiorentina), ha negato di voler ingaggiare il bambino, precisando che si possono far firmare contratti a calciatori stranieri solo dopo che hanno compiuto 18 anni.