Premium Sport

Il Flamengo salva il Maracanà! Riapre mercoledì per la Libertadores

C'è l'accordo, il club di Rio ha anche pagato le bollette arretrate. Sfida di cartello col San Lorenzo

  • TTT
  • Condividi

Solo poche settimane fa la situazione dello storico stadio Maracanà, gioiello dei Mondiali 2014 e delle Olimpiadi 2016, era quella che vedete nelle foto: in stato di abbandono, con il manto erboso rovinato, diverse aree vandalizzate e addirittura lasciato al buio per i debiti con la società elettrica. Da mercoledì sera però l'impianto di Rio de Janeiro tornerà alla vita ospitando una sfida nobile del calcio sudamericano come Flamengo-San Lorenzo, valida per la prima giornata del Gruppo 4 della Copa Libertadores.

Il club rossonero ha infatti trovato un accordo per disputare lì le sfide casalinghe della competizione con la Odebrecht, società azionista di maggioranza della Maracanà SA, che continua ad avere la gestione dell’impianto. Il Fla, che ha persino pagato il conto da 400mila euro delle bollette arretrate della luce dello stadio, si fa carico di tutti i lavori necessari per rendere l'impianto agibile, il manto erboso è già stato rizollato.

Perchè l'agibilità sia ufficiale manca un decisivo sopralluogo della GEPE, la sezione della Polizia che in Brasile si occupa unicamente della sicurezza negli stadi, per verificare che tutti gli standard siano rispettati, ma intanto il Flamengo si dimostra molto fiducioso, tanto che ha già cominciato a vendere i biglietti (già toccata quota 43mila!!!). Tra pochi giorni il Maracanà può tornare ai fasti che merita.

"Dopo un mese di oscurità al Maracanà torna la luce"