Premium Sport

Higuain ha detto sì al Milan ma Marotta frena: "Tutto fatto? Mica tanto"

Si discute la buonuscita del Pipita. Poi lo scambio Bonucci-Caldara

  • TTT
  • Condividi

Gonzalo Higuain ha detto sì al Milan: mancava soltanto il suo ok per definire il maxi-scambio che porterà anche Caldara in rossonero e Bonucci alla Juve. Nell'incontro notturno tra il fratello-agente del giocatore e Leonardo, il Pipita ha di fatto accettato il trasferimento in prestito con diritto di riscatto che inizialmente sembrava poter bloccare l'affare.

Sono stati definiti quasi tutti i dettagli, ma manca ancora l'intesa definitiva non sul contratto (ingaggio da 6 milioni per 4 anni) con il Diavolo ma sulla buonuscita che i Campioni d'Italia dovrebbero corrispondere al centravanti argentino (4,5 milioni). Per questo Marotta uscendo dagli uffici legali del club nel capoluogo lombardo ha affermato: "Tutto fatto? Mica tanto..." (in precedenza l'ad bianconero, insieme a Paratici, era stato a Casa Milan).     

L'operazione comunque è destinata ad andare in porto. L'ipotesi più probabile è che per Caldara e Bonucci ci sia una valutazione alla pari che consenta ai due club una doppia plusvalenza: la Juve ha acquistato Caldara a 15 milioni e lo rivende subito a 40, il Milan rivende il suo capitano alla stessa cifra, ma considerando un ammortamento di un anno da 8 milioni, rende più ricco il bilancio. Higuain, invece, viene ceduto in prestito oneroso con diritto di riscatto: si va verso i 18 milioni subito più 36 per acquistarlo a titolo definitivo, per una valutazione complessiva di 54 milioni.