Premium Sport

Prandelli, oltre al danno la beffa: dovrà risarcire il Valencia

Il tecnico era stato denunciato per "danno provocato al club" dopo le dimissioni nel 2016. Ha patteggiato

  • TTT
  • Condividi

Se Roberto Mancini sorride emozionato per il suo nuovo incarico sulla panchina della Nazionale, c'è un ex ct che piange. Cesare Prandelli, attuualmente senza panchina dopo l'esonero rimediato dall'Al Nasr a gennaio, ha infatti deciso di patteggiare con il Valencia, che lo aveva denunciato per il danno provocato al club andaluso dalle sue dimissioni nel Natale 2016: in questo modo il tecnico italiano eviterà il tribunale, ma sarà costretto a versare una somma che dal club della Liga definiscono "Importante".

Secondo quanto riferisce la Gazzetta dello Sport, sarebbe dunque questa la fine della breve e sfortunata avventura di Prandelli in Spagna, dove nelle prime otto partite conquistò soltanto sei punti. La diatriba col Valencia era nata dopo che il tecnico, il 30 dicembre 2016, aveva rassegnato le proprie dimissioni accusando il club di non aver rispettato le promesse di mercato (che però non era ancora chiuso al momento del suo addio) e il Valencia, sentitosi danneggiato dal repentino addio dell'allenatore, aveva subito annunciato che gli avrebbe fatto causa.

Detto, fatto. E ora Prandelli dovrà pagare: "Sicuramente avrei potuto restare più a lungo - ha dichiarato il tecnico attraverso un comunicato - però sinceramente pensai che non c'erano le condizioni adeguate per farlo e la cosa mi parve un motivo sufficientemente importante per andarmene. In prospettiva forse avrei potuto gestire le cose in altro modo, ma al momento pensai che una strategia tecnica e organizzativa fosse sufficiente per decollare".