Premium Sport

Nazionale, confronto tra calciatori in hotel

Il gruppo si compatta all'indomani del pari con la Macedonia. E dopo la partita i senatori si sono parlati senza Ventura

  • TTT
  • Condividi

Emergono sempre più dettagli del post-partita agitato vissuto dall'Italia, delusa dal pari con la Macedonia: come in parte testimoniato dalle immagini dei senatori che escono insieme dallo spogliatoio dopo tutti gli altri calciatori, c'è stato un confronto tra i 'vecchi', che poi hanno discusso con Ventura. All'indomani della brutta prova di Torino si è tenuta una riunione collettiva (non ha preso parte il ct) in hotel, durante la quale il gruppo ha provato a compattarsi.

Perché i senatori si sono confrontati già allo stadio dopo la partita? Magari non tutte le posizioni erano convergenti e l'impressione è che non ci sia empatia tra alcuni membri della vecchia guardia e il c.t. Qualche crepa era emersa anche dalle indiscrezioni che dopo la Spagna hanno riportato di una discussione tra un big e l'allenatore. Alla fine, a rappresentare la posizione del gruppo, ci ha pensato il capitano Buffon che nelle successive dichiarazioni sembra aver dato un colpo al cerchio dei senatori ("Noi anziani dobbiamo caricarci la squadra sulle spalle") e uno alla botte dell'allenatore ("Piangerci addosso e pensare che da fuori ci vogliono tutti male significa che siamo dei perdenti"). 

Del resto Ventura ha dimostrato nelle ultime conferenze di soffrire "la sindrome di accerchiamento" e ritiene di subire critiche eccessive e ingiuste, che vanno al di là dei propri demeriti. Buffon e i senatori, allora, provano a prendersi ancora più responsabilità: il Mondiale, del resto, è l'ultimo obiettivo di Gigi, che ha allungato la propria carriera proprio per andare in Russia ed è probabile che lui abbia fatto da intermediario nel rapporto tra vecchia guardia e allenatore. Perché al Mondiale non vuole rinunciare.