Premium Sport

Italia, Tavecchio sogna Ancelotti. Ma Mancini è pronto

Di Biagio traghettatore per arrivare in estate a un top manager

  • TTT
  • Condividi

Chi al posto di Ventura? Dopo la mancata qualificazione al Mondiale di Russia è ormai chiaro che l'avventura dell'attuale ct sulla panchina dell'Italia è al capolinea: restano da stabilire soltanto le modalità del divorzio. Per l'immediato, come riferito da Claudio Raimondi nel corso di You Premium, la soluzione più probabile è quella del traghettatore: a guidare gli azzurri fino alla prossima estate dovrebbe essere Gigi Di Biagio, al momento selezionatore dell'Under 21

A fine stagione infatti il quadro potrebbe cambiare radicalmente con più opzioni prestigiose sul tavolo. Già da ora però la Figc, nella figura del presidente Tavecchio (anche il destino del numero 1 di via Allegri non è così chiaro), vorrebbe puntare su Carlo Ancelotti (seguito con grande interesse dall'Arsenal). L'ex tecnico del Bayern ha ripetuto più volte di preferire un club e accetterebbe solo per "amor di patria". A patto di avere determinate garanzie, sugli stage e sull'autonomia rispetto alle ingerenze delle società. 

Al netto dei desideri di Tavecchio, sono tuttavia in ascesa le quotazioni di Roberto Mancini.  L'allenatore dello Zenit non ha nascosto il desiderio di guidare gli azzurri (è insomma uscito allo scoperto e questo rende la pista più percorribile) e qualora lo Zenit non dovesse vincere il campionato in Russia, il Mancio lascerebbe in anticipo rispetto alla scadenza naturale del contratto (2020): ecco perché l'ex Inter sembrerebbe il favorito principale per un progetto a lungo termine con l'Italia. 

Difficile se non impossibile l'ipotesi di un Conte bis mentre per l'eventuale affondo su Allegri servirebbe un addio anticipato con la Juve da parte del tecnico livornese. Infine da registrare come una semplice suggestione (al momento non trova del tutto conferma) la voce su Vincenzo Montella, che a giugno potrebbe non essere più al Milan.