Premium Sport

Fifa: espulsioni a tempo, più cambi: così cambia il calcio

L'Ifab dà l'ok alla sperimentazione nelle singole federazioni per le partite del settore giovanile. E pensa anche alla nuova formula dei rigori

  • TTT
  • Condividi

Espulsioni a tempo, rientro in campo del giocatore sostituito, aumento del numero di sostituzioni. Il 131° incontro annuale dell'Ifab, l'organismo che decide le regole del calcio mondiale composto da 4 membri nominati dalla Fifa e dai rappresentanti delle quattro federazioni britanniche, ha dato il la a una serie di sperimentazioni che potrebbero portare sostanziali novità, in futuro, al gioco del calcio. È solo allo studio, invece, una nuova formula dei rigori presa in prestito da quella del tiebreak tennistico: anziché calciare i penalty secondo la consueta alternanza, che favorirebbe (in base alle statistiche) chi comincia la serie, si procederà secondo lo schema ABBAABBAB

La più importante delle sperimentazioni riguarda invece le cosiddette "sin bins" già in vigore in altri sport: sono, cioè, le panchine "riservate" ai calciatori sanzionati costretti a lasciare il campo per un periodo limitato della partita. In pratica una sorta di cartellino "arancione" che non costringe le squadre all'inferiorità numerica per tutta la durata dell'incontro. L'Ifab ha dato l'ok alla sperimentazione anche nel calcio giovanile (oltre a quello di base e per disabili), poi dipenderà dalle singole federazioni portarla avanti. Stessa storia per il rientro in campo di un calciatore già sostituito e per l'aumento del numero di sostituzioni.

All'Ifab si è parlato anche del rapporto tra calciatori e arbitri in campo: la volontà è quella di consentire solo ai capitani di parlare con il direttore di gara durante le partite. Ai margini dell'incontro ha poi parlato Gianni Infantino, esprimendo la propria fiducia nell'introduzione della tecnologia Var (la moviola in campo) per il Mondiale 2018: "La cosa positiva - ha detto - è che non c'è alcun aspetto negativo. Serve l'ok dell'Ifab a marzo 2018".