Premium Sport

Coppa Italia, Juventus-Atalanta 1-0: Pjanic manda Allegri in finale

Un rigore del bosniaco al 75' spegne i sogni di rimonta di Gasperini: quarta finale consecutiva per i bianconeri

  • TTT
  • Condividi

Nessuna sorpresa allo Stadium. La Juventus conquista la quarta finale consecutiva di Coppa Italia, la 18.a complessiva, alla quale non prenderà parte lo squalificato Chiellini. Dopo aver vinto 1-0 a Bergamo la squadra di Allegri si conferma anche nella semifinale di ritorno: il rigore di Pjanic al 75' spegne le speranze di rimonta della banda Gasperini al pari del palo clamoroso di Gomez quando il punteggio era sullo 0-0. La Dea esce a testa alta come era avvenuto anche in Europa League mentre i Campioni d'Italia possono ora dedicarsi alla rincorsa scudetto (sabato c'è la Lazio all'Olimpico) e alla sfida di Champions con il Tottenham a Wembley tra sette giorni. 

LA PARTITA (Qui cronaca e tabellino)
L'avvio è di marca nerazzurra: la squadra di Gasperini fa girare meglio il pallone (possesso oltre il 70% nei primi 15') e si presenta con una certa pericolosità dalle parti di Buffon: Gomez prima non inquadra lo specchio della porta (destro a giro) e poi conclude debolmente sul traversone di Ilicic. Con il passare dei minuti i padroni di casa escono dal guscio e alzano la pressione rendendo meno agevole la manovra degli orobici, in campo senza una vera e propria punta di ruolo.  Berisha non deve compiere però alcun intervento anche perché Mandzukic in avanti è chiuso nella morsa Mancini-Caldara-Masiello con Douglas Costa e Alex Sandro talvolta sono troppo lontani dall'attaccante croato. Il numero 17 al 34' riesce però a liberarsi grazie a un'azione di forza prima di calciare addosso a Berisha. L'estremo difensore quindi respinge con un intervento stilisticamente non perfetto il velenoso tiro cross di Douglas Costa dalla destra.

Nella ripresa la Juventus guadagna metri e mette in difficoltà i rivali: Marchisio impegna Berisha su servizio di Mandzukic in profondità e in seguito prova un destro a giro che si spegne alto non di molto. Nel momento più complicato tuttavia l'Atalanta va a un passo dal vantaggio: Gomez approfitta di un errore marchiano di Benatia e ci prova dalla trequarti con Buffon fuori dalla porta ma il suo destro va a sbattere sul palo. Il match si infiamma con continui rovesciamenti di fronte: il sinistro dello scatenato Gomez termina a lato mentre Douglas Costa, il migliore dei suoi, colpisce la traversa con uno splendido mancino. E' il preludio all'1-0 juventino. Fabbri concede il penalty per una spinta di Mancini ai danni di Matuidi (vibranti proteste dei bergamaschi): dagli 11 metri Pjanic non sbaglia al 75'. E' questa l'ultima emozione del match.