Premium Sport

"Fifa, meno soste per le nazionali: si studia la riforma"

Secondo la BBC la federcalcio mondiale starebbe pensando a ridurre il numero di pause e a renderle più lunghe per venire incontro ai club

  • TTT
  • Condividi

Maurizio Sarri non è l'unico ad aver sollevato il polverone sulle nazionali prima della sosta. In Inghilterra l'avevano fatto anche Mourinho e Wenger, particolarmente contrari alla pausa di ottobre, che si inserisce in un calendario già molto fitto per i club. Così, stando a quanto riporta la BBC, celebre emittente britannica, la Fifa starebbe pensando a una riforma.

Meno soste, ma più lunghe: ecco l'idea che gira nella Federcalcio mondiale per venire incontro agli interessi delle società di calcio e, tutto sommato, anche a quelli dei c.t. Al momento i calendari internazionali sono già stati fissati fino al 2024 e in particolare la Uefa ha già organizzato (date comprese) la nuova Nations' League che sostituisce in parte le amichevoli e mette in palio un altro trofeo. 

Non sarà facile ridisegnare tutto, considerando anche gli interessi economici che ci sono dietro, non ultimo quelli sui diritti televisivi. Ma la possibilità che il calcio viva una nuova rivoluzione esiste: di fatto si potrebbe passare a due sole soste rispetto alle attuali 4 (settembre, ottobre, novembre e marzo) più la finestra di giugno negli anni dispari, allungandole da due settimane a 3 o 4. Ma bisognerà trovare il periodo giusto.