Premium Sport

NBA, prima espulsione in carriera per Lebron James: Kanter sfotte

Il numero 23 di Cleveland cacciato per la prima volta dopo 1299 partite giocate

  • TTT
  • Condividi

C’è sempre una prima volta per tutti. La scorsa notte entrerà di diritto nella storia della NBA per la prima espulsione in carriera di Lebron James, arrivata dopo 1082 partite giocate in regular season e 1299 totali (comprendendo anche i playoff, oltre 51.000 minuti sul parquet).

I Cavaliers affrontavano Miami (James e Wade contro la squadra con cui sono saliti per due volte sul tetto del mondo) nel terso quarto, con Cleveland avanti di 23, gli arbitri non hanno fischiato un fallo in favore di Lebron al termine di una penetrazione e quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: il Prescelto si è scagliato contro Kane Fitzgerald in un faccia a faccia che di solito si risolve con un fallo tecnico, ma non questa volta.

“L’espulsione è stata il risultato di una somma di azioni: immediatamente dopo la mancata chiamata, James si è rivolto verso di me muovendo in aria il pugno e poi affrontandomi in maniera molto aggressiva, condendo il tutto con frasi molto volgari giunte alle mie orecchie più volte”, ha spiegato l’arbitro a fine partita ai giornalisti. “In quella particolare situazione di gioco, ho iniziato a subire fallo da quando Johnson si è allacciato a me, ancor prima che tentassi di arrivare al ferro – si giustifica James - A quel punto ho detto tutto quello che andava detto, ma l’arbitro Fitzgerard ha ritenuto opportuno punire quella protesta con un’espulsione. E questo è quanto. L’importante è aver portato a casa il successo, tutto il resto lascia il tempo che trova”.

Come se non bastasse la rabbia per l'espulsione, a fine gara è arrivata anche la provocazione di Enes Kanter, già protagonista nelle scorse settimane di diversi faccia a faccia proprio con il numero 23, che non ha perso l'occasione per sfottere: ”Il re di Cleveland”, ha scritto il lungo dei Knicks cerchiando nella foto l'arbitro Fitzgerald. Il tutto corredato dall’hashtag “StriveForGreatness”, il marchio di fabbrica del numero 23 sui social network.