Premium Sport

Nba, i Lakers apettano Ball e intanto si godono Kuzma

Preseason: Oklahoma ok in Australia, i Warriors battono Minnesota con 40 punti di Curry

  • TTT
  • Condividi

La pre season non serve per i risultati, ma per trovare la forma e magari qualche giocatore insospettabile da lanciare anche in stagione regolare. Chi sta emergendo in maniera oltre le aspettative è Kyle Kuzma. I Los Angeles Lakers attendono con ansia di vedere le prodezze di Lonzo Ball, seconda scelta assoluta all’ultimo draft, appiedato da un problema fisico, ma possono accontentarsi dell’ascesa di un’altra matricola.

Scelto con la chiamata numero 27 dall’università di Utah, si è messo in mostra durante la Summer League di Las Vegas, ottenendo anche il premio di miglior giocatore della finale. Non si è accontentato, anzi nelle prime quattro partite di pre season è sempre andato in doppia cifra, sempre oltre il 50% dal campo. 19 punti e mezzo di media (15 nella notte nella vittoria su Sacramento) dovrebbero permettergli di guadagnare spazio anche quando le partite conteranno per davvero, quando toccherà ai titolari. I Lakers sono imbottiti di giovani e possono guardare al futuro con fiducia.

Pensano al presente invece i Clippers. L’altra squadra di Los Angeles perde contro Portland senza Danilo Gallinari, tenuto a riposo da coach Doc Rivers. In campo 28 minuti invece Milos Teodosic, il play serbo già diventato un idolo per i suoi assist spettacolari, azioni imperdibili che la NBA consente di vedere anche attraverso il League Pass (https://watch.nba.com/). 15 punti con 4 triple, anche se il protagonista di giornata è Damian Lillard dei Trailblazers con 35 punti, seguito dai 20 del compagno CJ McCollum.

In campo anche i nuovi Thunder. Oklahoma City mette in scena le sue tre stelle: Westbrook (9 punti, 7 assist, 5 rimbalzi), Paul George (22 punti e 7 rimbalzi) e Carmelo Antony (19 punti e 7 rimbalzi). Battuti i Melbourne United di una sola lunghezza 86-85. Grande festa a Shangai per i campioni in carica. Nella seconda esibizione Golden State batte Minnesota e regala spettacolo: 40 punti per Curry, 28 per Thompson e 22 per Durant.

Gabriele Cattaneo