Premium Sport

Ciclismo, Froome assolto: il Giro è suo, può andare al Tour

L'Uci non considera doping l'alto valore di salbutamolo riscontrato alla Vuelta 2017: il britannico salva il trionfo rosa

  • TTT
  • Condividi

Chris Froome è stato assolto. Il corridore britannico, accusato di aver violato le norme antidoping alla Vuelta del 2017 per l'alto valore di salbutamolo riscontrato nelle urine, è stato considerato non sanzionabile dalla Wada che sulla base delle perizie scientifiche e del contraddittorio ha messo fine alla vicenda. Per Froome è un trionfo in un momento delicato, innanzitutto sul piano dell'immagine, poi su quello pratico.

Grazie a questa decisione presa dal tribunale antidoping dell'Uci, Froome "salva" il suo Giro d'Italia conquistato a maggio e adesso potrà centrare la clamorosa doppietta puntando anche al Tour de France, che ha già vinto 4 volte, tra cui una l'anno scorso. Gli organizzatori avrebbero voluto escuderlo proprio in virtù del caso salbutamolo, adesso non c'è più motivo.